Oxygen Basket, coach Papi: “Lavoro, carattere e coraggio: questa la ricetta per la stagione”.

banner_

Ripartirà ufficialmente il 22 Agosto prossimo la stagione della Oxygen Basket: in quella data, infatti, è fissato il raduno e il via alla preparazione.

Già annunciato sui giornali, una delle novità di questa annata sportiva è la chiamata a capo coach della squadra della serie C Gold di Francesco Papi. Senese doc, alla sua seconda stagione all’ombra del Grappa, coach Papi oltre al ruolo di tecnico della prima squadra sarà anche responsabile tecnico di tutto il settore giovanile.

francesco_papi_oxygen

“Sono davvero molto contento di questo incarico – dice l’allenatore – e ringrazio la società per la fiducia che mi ha accordato. Ho avuto qualche sentore di questa opportunità quando i dirigenti hanno scelto di intraprendere un percorso che metteva al centro tutto l’ampio e ricco settore giovanile. Abbiamo trovato una linea comune sugli obiettivi e il percorso da intraprendere e adesso, insieme agli assistenti Reziero Napolitano e Matteo Bordignon, aspettiamo di cominciare”.

Serie C Gold con un solo senior (l’immarcescibile Gallea), la DNC più giovane d’Italia e un settore giovanile di alto profilo che punta non solo ad aumentare la propria base ma anche a scovare e valorizzare talenti sia vicino casa che in tutta Italia e non solo. Insomma, una missione da compiere.

“Non potevamo non segmentare i percorsi sulla base delle diverse categorie – spiega il tecnico toscano – per esempio dai ragazzi che intraprendono il campionato di serie C Gold ci aspettiamo che maturino nella lettura delle situazioni in campo e che reagiscano di conseguenza di pari passo con la crescita tecnica, tattica e umana. Non vogliamo l’alibi della poca esperienza ma certo è che affronteremo team con giocatori di esperienza e molto più scafati di noi. Accettiamo la sfida, ci mettiamo in gioco con coraggio ma anche consapevolezza e un po’ di faccia di tosta. Scendendo di categoria ovviamente moduliamo le attese e i percorsi verso il perfezionamento delle esecuzioni e dei gesti tecnici. Non da ultimo la capacità di fare squadra, di fare team buliding”.

Non è difficile, quindi, associare alla Oxygen Basket l’idea di un’esperienza sportiva e agonistica che unisce un metodo e un modello innovativo nell’approccio allo sport. La dirigenza della Oxygen, infatti, ha messo a disposizione di tutto lo staff tecnico dei professionisti che possano far crescere il bagaglio culturale e di analisi degli allenatori: si va dallo specialista postulare allo psicologo. “Il nostro è uno staff tecnico molto giovane – continua Papi – quindi ben vengano l’apporto di risorse e la condivisione di esperienze anche multiisciplinari. Capire perché il giocatore esegue il movimento in quel modo oppure imparare ad approcciare comunicativamente i ragazzi nella migliore modalità possibile costituisce un tassello di grande importanza”.

banner_2
Tags from the story